Il museo

Un tesoro nascosto in soffitta

Nascosta nel cuore di Amsterdam, si trova una piccola meraviglia: il museo Ons’ Lieve Heer op Solder (Nostro Signore nel sottotetto). I visitatori scopriranno una casa sul canale del Secolo d'Oro, straordinariamente ben conservata. Corridoi e scale stretti conducono ad antichi soggiorni, cucine e camere da letto, concludendo l'itinerario della visita nel punto di massimo interesse del museo: un'intera chiesa in soffitta.

La chiesa fu costruita su commissione dell'allora proprietario dello stabile, il benestante commerciante cattolico Jan Hartman (1619-1668). Egli visse qui con la sua famiglia nel periodo in cui le celebrazioni cattoliche erano vietate nei Paesi Bassi. Nel 1578 i protestanti avevano assunto il potere della città. I fedeli della chiesa cattolica, circa il venti per cento della popolazione di Amsterdam nei secoli XVII e XVIII, passarono in secondo piano. Non poterono più andare a messa nelle chiese ufficiali, che a partire da quel momento furono destinate al culto protestante. 

De zolderkerk - Arjan Bronkhorst

Tolleranza
Jan Hartman, di origini tedesche, acquistò nel 1661 non solo la casa sul canale inOudezijds Voorburgwal, ma anche i due edifici situati dietro ad essa. Fece collegare il piano più alto dei tre edifici, realizzando così la chiesa. L'amministrazione comunale sapeva dell'esistenza della chiesa in soffitta, ma consentiva il culto di pressoché tutte le altre fedi religiose ad Amsterdam. In tal modo la chiesa divenne un esempio tipico della caratteristica tolleranza (religiosa) dei Paesi Bassi, le cui fondamenta risalgono a Guglielmo d'Orange nel XVI secolo. La libertà di culto e di coscienza hanno rappresentato, fino ai giorni nostri, i pilastri del museo. Ecco perché Ons’ Lieve Heer op Solder oggi è anche un luogo in cui vivere un'esperienza e riflettere.

Ampliamento
Dopo il Rijksmuseum, Ons’ Lieve Heer op Solder è il più antico museo della città, visitato ogni anno da ben 100.000 persone. Questo monumento unico del Secolo d'Oro si è conservato soprattutto grazie all'iniziativa privata. Nel 2015 il monumento ha subito un ampliamento con l'aggiunta di un edificio situato al n. 38 di Oudezijds Voorburgwal, dove si trova l'entrata. I due edifici sono collegati fra loro mediante un passaggio sotterraneo. Ons’ Lieve Heer op Solder è una casa-museo, dove la storia è tangibile, dove tutto è antico e autentico, dove i visitatori si sentono legati all'edificio e alla sua storia. E dove si forma anche un legame con l'attualità.